“Un dono lungo un mese” di Karis Foundation

Voglio scrivere alcune parole di ringraziamento nella mia doppia veste di insegnante e di madre.

Mi ha sempre stupito osservare come un ente, impegnato in un ambito lavorativo molto diverso da quello scolastico, come quello bancario, scelga esplicitamente di dedicare parte delle proprie energie e risorse nel sostegno gratuito di altre realtà, come quelle educative, mettendo a disposizione contributi essenziali per la realizzazione di progetti davvero importanti ma impegnativi.

Come insegnante conosco molto bene l’importanza di disporre di mezzi e personale in grado di personalizzare la didattica, al fine di rispondere al bisogno peculiare e soggettivo del singolo bambino.

Si tratta di un requisito fondamentale per permettere ad ogni bambino di “concepirsi” capace di fare e interagire con la realtà, alla scoperta di un percorso di conoscenza personale, capace di svelarsi e di prendere consistenza a prescindere dai propri limiti, doti e talenti, che devono accompagnare la scoperta di questo percorso senza però diventare ostacoli o limiti ad esso.

Come madre di due figli che non hanno “bisogni educativi speciali” e non necessitano quindi di una didattica personalizzata, non posso fare a meno di osservare quanto sia importante e fondamentale per la loro crescita vedere che la scuola prende sul serio la peculiarità e l’unicità di ciascun alunno, mettendo in pratica soluzioni e metodologie speciali per ogni bambino che ne abbia l’esigenza.

Desidero quindi ringraziare il progetto ETICARIM, per il sostegno offerto alle scuole Karis, segno del desiderio che ogni singolo possa fare della propria esperienza scolastica qualcosa di speciale.

Brunella